Depenalizzazione del colpo di Stato, la Toscana è d’accordo

Colpo di scena: la rossa Toscana si rivela favorevole alla depenalizzazione del colpo di Stato. Non ce lo saremmo mai aspettato. E invece: di fronte alla mozione presentata in Consiglio regionale da Gabriele Chiurli (Democrazia Diretta), che mirava a ristabilire pene più pesanti per chi tenta il golpe, maggioranza e opposizione hanno votato contro in maniera compatta.

Ma facciamo un passo indietro. Le modifiche al Codice Penale di cui parliamo risalgono all’inizio del 2006, quando, con le elezioni alle porte, il Governo allora in carica alleggerì le pene per una serie di reati contro lo Stato.

In particolare l’art. 241 “Attentati contro la integrità, l’indipendenza o l’unità dello Stato” fu modificato in modo che fossero perseguibili unicamente gli “atti violenti diretti e idonei” a mettere a rischio la sovranità, l’indipendenza o l’unità dello Stato, anziché, semplicemente, “i fatti diretti” allo stesso scopo. Non solo: la pena è stata tramutata da ergastolo a reclusione non inferiore a 12 anni.

Analoghe riduzioni sono state introdotte per altri reati contro lo Stato (ad esempio la costituzione di un’associazione sovversiva).

Ma va bene così: a quanto pare la Regione Toscana non è affatto preoccupata per la sovranità del popolo italiano. Noi, sinceramente, sì.

 

Leggi il testo integrale della mozione bocciata in Aula.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...