Cosa succede oggi in Regione Toscana

Finanziamenti a pioggia a istituzioni culturali amiche, un milione di euro al Comune di Siena, mezzo milione per i rom

Ecco cosa abbiamo approvato oggi in Consiglio regionale (con il voto contrario di Democrazia Diretta): un pacchetto di disposizioni finanziarie tra le più variegate, preso così, a scatola chiusa. Già perché, come ha sottolineato Gabriele Chiurli in Aula, non c’è stato verso di sapere alcun dettaglio prima di passare al voto. Prendere o lasciare.

Qualche esempio:

• Un milione di euro per la cultura (variamente distribuiti tra Fondazione Strozzi, Fondazione Sistema Toscana, Accademia della Crusca, Ort e qualche teatro). Con quale logica? Chi lo sa. Nessun criterio è stato portato all’attenzione dei consiglieri. Vale la pena di sottolineare che Fondazione Sistema Toscana (istituito dalla Regione stessa in partnership con Monte dei Paschi di Siena), è già oggetto di notevoli contributi da parte della Regione. Solo per citare gli ultimi dati certi: nel 2011 mamma Regione ha sborsato 4 milioni e mezzo di euro a suo favore. Ma evidentemente non bastavano.

• In legge troviamo poi un non meglio identificato “soggetto consortile”, a cui si drenano altri 100mila euro. A chi corrisponda questo soggetto consortile resta un mistero: né un sito internet, né tantomeno un’intestazione. Sappiamo solo che lo abbiamo istituito noi, ovvero il Consiglio regionale, qualche anno fa, per aiutare i liberi professionisti ad accedere ai bandi europei. Come abbia lavorato nel frattempo e dove vengano riposti i nostri quattrini, è un altro enigma.

• La sensazione è che la Regione continui ad assolvere al ruolo di distribuzione di contributi a pioggia. Sensazione rafforzata dalla presenza in legge di un aumento di 90mila euro ad uso e consumo del Presidente, o meglio, da utilizzare per iniziative patrocinate dalla Giunta. Spiccioli? A un’impresa privata potrebbero fare la differenza.

• Sempre in ambito cultura, non potevamo scordarci della “povera” Siena: pronto un milione di euro per sostenere la campagna della città a Capitale della Cultura 2019. Con quale criterio è stata stabilita questa cifra? E chi lo sa.

• Infine la sorpresina: mezzo milione di euro da destinare ai rom. Per cosa? Un progetto c’è, ma non è stato illustrato. Per dirla con Ficarra e Picone: ma chi ce lo doveva dire?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...