419 milioni e non sentirli: le condizioni dei nuovi 4 ospedali toscani

Dopo la pioggia nei corridoi, il presidio di Prato resta senza il reparto di medicina nucleare: le pareti non sono state schermate. E a Pistoia i bagni non sono a norma per i disabili

419 milioni e 499mila euro: a tanto ammonta (o meglio ammontava al momento dell’appalto, perché poi la Regione ha dovuto rimpinguare la cifra) il costo complessivo della realizzazione dei quattro nuovi ospedali toscani. Sarebbero dovuti diventare il fiore all’occhiello di una sanità ai vertici delle classifiche italiane (ma nel frattempo scivolata parecchio più in basso), modello ed esempio di efficienza e organizzazione “alla toscana”.

E invece. Invece accade che l’ospedale di Pistoia, primo del poker ad essere inaugurato la scorsa estate, sveli toilette inadatte ad accogliere i pazienti con problemi di deambulazione, prese elettriche non a norma e altre gravi carenze strutturali.

Poi viene la volta di Prato. Prima l’inaugurazione viene rimandata di un paio di settimane. Motivo: ci pioveva dentro. Le coperture non hanno retto alle prime piogge autunnali, sul finire di settembre e sono stati necessari nuovi lavori.

Ma non basta. A una settimana dall’apertura ufficiale, scopriamo che un reparto deve ancora essere trasferito: quello di medicina nucleare. Perché? Semplicemente le pareti non sono state schermate per le radiazioni. Niente analisi, dunque. Un bel sacrificio per chi deve effettuare ecografie, scintigrafie e diagnostica, pazienti oncologici compresi. Soprattutto considerato il fatto che il “vecchio” ospedale aveva smesso di effettuare la Pet, esame fondamentale per la prevenzione oncologica, già dai primi di agosto.

E un buon auspicio per i due nuovi scintillanti ospedali pronti ad aprire i battenti a Massa e Livorno.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...