Legge di stabilità, chi ci guadagna (le banche) e chi ci perde (le famiglie)

La beffa dei 14 euro in più in busta paga non è la peggior sorpresa di Letta: la casa è ancora più cara, mentre facciamo un bel regalino agli istituti di credito, proprio alla vigilia dello stress test dell’Europa

 

Sorpresa: il Governo delle larghe intese scontenta largamente tutti, tranne le banche. A guadagnarci, ancora una volta, sono solo loro: grazie alla legge di stabilità, infatti, potranno godere di un’ingente anticipazione delle detrazioni fiscali su Ires e Irap. Così copiosa che, solo per i prossimi due anni e solo prendendo in considerazione i primi nove istituti di credito, il carico fiscale sarà ridotto di oltre un miliardo di euro.

Un bel regalino per le banche, proprio alla vigilia dello stress test imposto dall’Europa. I maggiori benefici dovrebbe ricavarli Unicredit, nell’ordine di 271 milioni di euro per il 2013 (vedi articolo del Fatto Quotidiano) e cifre leggermente inferiore per i due anni a venire. Va un po’ peggio al Monte dei Paschi, che avrà un beneficio fiscale di “soli” 101 milioni di euro per l’anno in corso. Cifre più “contenute” per le altre banche, nell’ordine di 30/40 milioncini l’anno.

Una bella differenza rispetto ai 14 euro in più in busta paga che si ritroveranno i dipendenti (e solo quelli più fortunati).

Ma le sorprese non sono finite, perché anche la tanto sbandierata fine dell’Imu non è esattamente oro che luccica. Anzi, in alcuni casi la nuova tassa, la Trise, formata da Tasi + Tari (e non è uno scioglilingua), potrebbe risultare addirittura più cara della precedente. Essenzialmente dipenderà dalle scelte dei sindaci, chiamati a stabilire l’aliquota base. E con i bilanci dei Comuni ridotti a brandelli dai mancati trasferimenti statali (ma anche da sperperi locali) è facile prevedere che nella maggior parte dei casi non saranno magnanimi.

 

Un pensiero su “Legge di stabilità, chi ci guadagna (le banche) e chi ci perde (le famiglie)

  1. Pingback: Pensioni d’oro e da fame: basterebbe poco per avere giustizia | Democrazia Diretta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...