La Sanità toscana e le pezze ai conti in rosso degli amici

La Regione compra un centro oncologico privato in deficit di 13 milioni. Perché? Forse la motivazione sta nella proprietà: prima del Gruppo Fondiaria (che ci ha investito 150 milioni di euro), poi di Unipol banca (che nel frattempo si è fusa proprio con Fonsai). Un favore agli amici non si nega mai. Come insegna il caso Cancellieri-Ligresti.

Solo una settimana fa di fronte al Consiglio regionale l’assessore alla Sanità Luigi Marroni negò tutto: “Non c’è nessun accordo per l’acquisto di Villa Ragionieri, ci sono solo stati alcuni colloqui informali”. Ieri il Presidente Rossi lo ha smentito a chiare lettere, palesando l’ennesima presa di giro nei confronti del Parlamentino toscano (e quindi dei cittadini che lo hanno votato). La Regione acquisirà il centro oncologico fiorentino con tutte le attività, le proprietà e i dipendenti. E i debiti. 

La Regione compra Villa Ragionieri

Già perché Villa Ragionieri, la cui proprietà fa capo alla solita famiglia Ligresti, dal 2010 ad oggi ha accumulato un bel po’ di rosso in bilancio, fino ad arrivare a quota -13 milioni di euro dell’ultimo esercizio. Nel frattempo, come già aveva anticipato Marroni, la proprietà è cambiata: il centro è passato al gruppo Unipol. Che però nel mentre aveva già fagocitato Fondiaria-Sai e i rispettivi debiti (nonché varie operazioni sospette per le quali la famiglia Ligresti quasi al completo è finita in manette).

Adesso la “nuova” (???) proprietà vuole un centinaio di milioni di euro dalla Regione per venderle questo affare imperdibile che è Villa Ragionieri. E il Governatore non può certo lasciarsi sfuggire l’opportunità di fare una buona azione verso una vecchia conoscenza della Toscana.

D’altronde se un ministro ha già “graziato” la figlia Ligresti, concedendole di uscire dal carcere dove stava pericolosamente perdendo peso, cosa sarà mai gettare qualche milioncino nell’acquisto di un centro oncologico, che poi serve alla salute di tutti. Tanto non sono mica soldi suoi.

Un pensiero su “La Sanità toscana e le pezze ai conti in rosso degli amici

  1. Pingback: Un anno di Consiglio regionale | Democrazia Diretta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...