Uscire dall’euro si può. La Regione Toscana dà il via al dibattito

Dopo il rinvio in Commissione della mozione presentata da Gabriele Chiurli (Democrazia Diretta), inizia il tanto atteso dibattito. Ma ci sarà da aspettare ancora più di un mese per le audizioni con gli esperti. E il sospetto è che l’Aula giochi a tirare per le lunghe la discussione fino alla scadenza del mandato per far decadere la proposta.

ritorno alla lira, uscire dall'euro

Uscire dall’euro si può, parlare delle strade per farlo si deve. Lo prevedono i trattati che ci legano ai Paesi dell’Ue, lo prevedono le condizioni con cui è stata istituita la moneta unica, permettendo ad alcuni Stati di aderire in un secondo momento o non aderire affatto (vedi il caso della Gran Bretagna). Uscire dall’euro è tutt’altro che impossibile, tutt’altro che disastroso e il dibattito è già in corso da mesi (se non anni) sulla rete, tra gli economisti e tra i cittadini. Ma per la prima volta se ne parla in via ufficiale, tra le quattro mura di un’istituzione. E’ la Regione Toscana a dare vita alla discussione, grazie a una mozione presentata dal consigliere Gabriele Chiurli (Democrazia Diretta) e rinviata in Commissione (leggi il testo), riconosciuta da parte di tutti i partiti la necessità di approfondire l’argomento.

Il tema non è più rinviabile, non si può più nascondere sotto il tappeto lo scontento degli italiani (così come di altri popoli) verso l’euro. Lo ha riconosciuto anche il Presidente della Repubblica Napolitano, in visita a Strasburgo.

Eppure un modo per rinviare e fregarsene dei cittadini lo si trova sempre: la tanto attesa discussione in Commissione Politiche europee non è ancora stata avviata. A oltre tre mesi dal rinvio in commissione della mozione, le annunciate audizioni non sono ancora state convocate in via ufficiale. Da colloqui informali con il Presidente di Commissione Marco Taradash (radicale eletto con il Pdl e oggi in Ncd) si sa che la prima data utile è il 14 marzo 2014 (tra più di un mese) e che per allora al momento risulta convocato solo un professore pro-euro. Motivazione? Non si trovava nessuno del parere opposto.

Ma guarda un po’. A noi è bastata una telefonata per trovarne subito un paio. E il 14 marzo un affermato economista ci sarà, pronto a illustrare le possibili strategie per uscire dall’euro.

Stay tuned. 

2 pensieri su “Uscire dall’euro si può. La Regione Toscana dà il via al dibattito

  1. Pingback: Un anno di Consiglio regionale | Democrazia Diretta

  2. Pingback: TAFTA, la Toscana se ne frega. E condanna i nostri prodotti tipici al macello | Democrazia Diretta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...