Tagli alle regioni. Dismettere le partecipate? Bella idea, peccato che Rossi continui a comprare

Solo lo scorso anno ricapitalizzazioni per 24 milioni di euro, mentre la Regione Toscana aumentava la propria percentuale in società termali e congressuali e acquisiva un pacchetto azionario nell’Aeroporto di Firenze. 

Una ventina le partecipazioni, 24 fondazioni di cui 7 in profondo rosso, più alcuni consorzi agricoli e un golf club. E solo un’asta andata a buon fine per 7.800 euro.

“Dismettere le partecipate regionali per recuperare risorse? Ottima idea, peccato che il Presidente Rossi abbia fatto tutto l’opposto negli ultimi 5 anni”. Così il consigliere regionale Gabriele Chiurli (Democrazia Diretta) commenta le intenzioni del Presidente della Regione Toscana di disfarsi di quasi tutte le partecipazioni societarie per fare fronte ai tagli annunciati dal Governo, in concomitanza al prepensionamento di 5000 dipendenti regionali.

enrico-rossi-640

Nonostante gli slogan da campagna elettorale, infatti, nel corso dell’intera legislatura la Regione Toscana non solo non è riuscita a sbarazzarsi delle società non strategiche, ma ha addirittura incrementato il proprio portafoglio azionario. Basti pensare ad AdF, in cui abbiamo investito 5 milioni di euro di soldi pubblici per poi regalare il sistema aeroportuale toscano a Corporacion America.

“Ma questa – incalza Chiurli – è solo l’ultima operazione della lista”. Sono una ventina le partecipazioni detenute, tra cui anche un golf club: una su quattro è stata costretta a ricapitalizzare per salvarsi nello scorso esercizio, per complessivi 24 milioni di euro. Il risultato è stato comunque in perdita per la Regione Toscana: circa un milione di euro lo scorso anno, oltre 5 milioni nell’esercizio precedente.

Solo l’asta per la quota dell’Autocamionabile della Cisa è andata a buon fine fruttando ben 7.800 euro alla Regione Toscana. In altri casi la quota regionale è addirittura aumentata: per  Terme di Chianciano Immobiliare Spa ad esempio. Ma abbiamo promesso 6 milioni di euro anche alle Terme di Montecatini e altrettanti ad Arezzo Fiere.

La Regione Toscana partecipa inoltre a 47 organismi in ambito agricolo tra cooperative e consorzi e a 24 fondazioni, di cui 7 in perdita. Per citarne alcune: l’Orchestra regionale toscana, il Maggio musicale fiorentino, la Fondazione Mps. Notoriamente tutte in profondo rosso.

Ma certo il Presidente Rossi ci ha provato a vendere alcune di queste società: 7 per la precisione. Solo che le aste sono andate tutte deserte e neanche gli altri soci ne hanno voluto sapere di acquistare il pacchetto regionale.

Democrazia Diretta

“Difficile pensare che qualcuno abbia intenzione di acquistare adesso, più facile pensare all’ennesima trovata elettorale – conclude Chiurli di Democrazia Diretta – mentre si rifila il vero pacco a 5.000 dipendenti regionali, prepensionati per far contento il premier-non-eletto Renzi”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...