Turisti, state a casa vostra. In Toscana non vi vogliamo

Lo sportello informazioni dell’aeroporto di Pisa chiude per un mese e mezzo, nel periodo più affollato di arrivi, tra Pasqua e i ponti primaverili. Si riapre a maggio. Perché? Semplice, il bando di affidamento è scaduto e non c’è stato verso di trovare una soluzione alternativa. D’altronde era di competenza della Provincia…

turisti pisa

Ennesima beffa anti-turisti all’aeroporto di Pisa, la principale porta d’ingresso per gli stranieri in Toscana. Dopo l’effetto People Mover, arriva un nuovo schiaffo ai viaggiatori: lo sportello informazioni resterà chiuso fino a metà maggio (se va bene). Proprio nel periodo più denso di arrivi, quello dello “spring break” degli istituti scolastici anglosassoni, delle festività pasquali e dei ponti primaverili.

La saracinesca è stata abbassata il primo di aprile, ma i pesci non c’entrano. C’entra invece la solita inerzia tutta italiana e toscana. La ricostruzione dei fatti è semplice: il servizio informazioni dello scalo pisano era stato dato in gestione tramite bando, l’appalto è scaduto prima che la Regione riuscisse ad escogitare una soluzione alternativa (sia pure una soluzione-ponte per coprire il servizio fino al nuovo bando). D’altronde la competenza era della Provincia…

“Oggi l’assessore al turismo Sara Nocentini assicura che lo sportello riaprirà in tempo per Expo 2015 e sarà più ricco che mai. Ma il danno prodotto nel frattempo chi lo ripaga?”, domanda il consigliere regionale Gabriele Chiurli (Democrazia Diretta).

“Ennesima dimostrazione di una Giunta regionale ondivaga e incapace di prendere decisioni in tempi utili. Ed ennesimo schiaffo alla città di Pisa – chiosa Chiurli – proprio da parte del Presidente Rossi, che da quelle terre proviene”.

Già perché questo episodio è l’ultimo di una lunga serie, a partire dalla vendita delle quote SAT (la società che gestiva il Galilei  prima della venuta di Eurnekian) da parte della Regione, fino all’operazione People Mover. Per chi non ne avesse mai sentito parlare, il People Mover non è altro che una navetta su rotaia di un paio di vagoni che dovrà collegare in futuro l’aeroporto con la stazione centrale di Pisa. Una infrastruttura che la Regione ha definito prioritaria e sulla quale ha dirottato ben 60 milioni di finanziamenti comunitari (in tutto ne costerà 80, gli altri arrivano dal project financing). Scordandosi che tra la stazione e l’aeroporto di Pisa era già attivo il treno. Oltre al danno (economico), la beffa: per il periodo dei lavori per la realizzazione della nuova navetta, la linea ferroviaria tra la stazione centrale e l’aeroporto è interrotta.

E adesso (fino a data da destinarsi) manca anche lo sportello informazioni all’interno dell’aeroporto. Si faceva prima a dire ai turisti che non li vogliamo in Toscana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...