Chi siamo

Gabriele Chiurli testataDemocrazia Diretta nasce con un preciso scopo: restituire ai cittadini il potere di decidere, prima di tutto attraverso una modifica alla Costituzione che permetta al popolo di votare le leggi attraverso referendum legislativi. 

Fondato ad Arezzo nel giugno 2013, Democrazia Diretta ha tra i suoi soci fondatori il consigliere regionale Gabriele Chiurli. Fin dallo statuto del movimento, ci poniamo lo scopo di modificare gli articoli 70/75 e il 138 della Costituzione italiana, per introdurre una reale partecipazione degli elettori al processo legislativo.

Il nostro Codice Etico si riallaccia direttamente alla Dichiarazione Universale dei Diritti umani e alla stessa Costituzione italiana. Crediamo che servano regole ferree in fatto di candidature, campagne elettorali (e relative spese), assunzione di incarichi pubblici. E qualora vengano meno le condizioni per l’eleggibilità stabilite dallo stesso Codice, sono previste le dimissioni.

Democrazia Diretta parte dalla Toscana, ma il marchio è già stato registrato a livello europeo. Perché è in Europa che si prendono le decisioni fondamentali per il nostro futuro, adesso che i Parlamenti nazionali sono stati svuotati di buona parte della propria sovranità.

Con questo movimento ci auguriamo di riportare la politica nelle mani dei cittadini elettori e di scardinare il sistema di lobby che opprime l’intero Paese, bloccandone di fatto le potenzialità di crescita.

Leggi il nostro Statuto

8 pensieri su “Chi siamo

  1. Pingback: Sulla tragedia di Prato, il solito trionfo dell’ipocrisia | Democrazia Diretta

  2. Pingback: Elezioni regionali Emilia Romagna e Calabria, chi ha vinto e chi ha perso davvero | Democrazia Diretta

  3. Pingback: Democrazia Diretta presenta Gabriele Chiurli: conferenza stampa domani 4 maggio | Democrazia Diretta

  4. Pingback: Conferenza stampa Democrazia Diretta -

  5. Pingback: In difesa dei cittadini contro destra e sinistra delle lobby | Democrazia Diretta

  6. a come ha spiegato Barnard Paolo anche a livello europeo il parlamento non ha potere..in sostanza è la commissione europea a dettare le regole..il problema è uscire dall’europa e dall’euro..ci ridiano le sovranità economica e politica!!!la capacità di fare spesa e ricominciare a lavorare..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...